Crediti ECM con la formazione all’estero: è possibile?

Un professionista sanitario può ottenere crediti ECM facendo formazione accreditata all’estero? CALCOLO CREDITI ECM Un professionista sanitario può ottenere crediti ECM anche con la frequentazione di un corso all’estero: a meno di particolari accordi debitamente sottoscritti e comunicati, i crediti riconosciuti saranno il 50% di quelli attribuiti...


Un professionista sanitario può ottenere crediti ECM facendo formazione accreditata all’estero?

CALCOLO CREDITI ECM

Un professionista sanitario può ottenere crediti ECM anche con la frequentazione di un corso all’estero: a meno di particolari accordi debitamente sottoscritti e comunicati, i crediti riconosciuti saranno il 50% di quelli attribuiti al singolo evento accreditato all’estero.

La somma di questi crediti non potrà comunque superare il 50% dell’obbligo formativo triennale.

RICHIESTA CERTIFICAZIONE CREDITI ECM

Per ottenere la certificazione di tali crediti, il professionista sanitario una volta terminato il corso dovrà inoltrare la documentazione relativa all’evento e quella attestante la frequenza e il superamento del test di apprendimento attraverso:

– l’ente accreditante di riferimento (CNFC, Regione, Provincia autonoma)

– il soggetto da esso indicato (ad esempio ufficio formazione dell’azienda presso cui presta servizio)

– per i liberi professionisti, il proprio Ordine/Collegio/Associazione professionale

– il portale Co.Ge.A.P.S. per i professionisti che svolgono professioni sanitarie regolamentate ma non ordinate e non iscritti alle Associazioni.

Saranno questi enti, una valutata la documentazione prodotta dal professionista, ad inserire tali attività nel tracciato record da inviare alla CNFC/Regioni/Province autonome e al Co.Ge.A.P.S.

Altre informazioni sono disponibili sulla DETERMINA DELLA CNFC Age.na.s del 17 luglio 2013



Per eventuali domande vi risponde

Different Web S.r.l.

info@differentweb.it